Arianna Errigo entra nella famiglia di adidas

marzo 28, 2013 by  
Inserito in News Scherma

La campionessa olimpica di fioretto a squadre e argento individuale Arianna Errigo ha firmato un contratto di sponsorizzazione triennale entrando a far parte della famiglia adidas fino alle Olimpiadi del 2016.

Arianna Errigo testimonial adidas

L’atleta oggi 24enne ha cominciato ad accumulare importanti successi fin da giovanissima. Nel 2004 ha vinto i campionati del mondo cadetti a Plovdiv. Nel 2006, nei campionati europei giovanili a Poznan, ha vinto l’oro nella competizione individuale e l’argento in quella a squadre. Nel 2009 ha vinto l’oro nella gara a squadre agli europei di Plovdiv, poi un altro oro nella gara a squadre di fioretto e il bronzo nella gara di fioretto individuale ai mondiali di Antalia. Compagne di squadra dell’oro mondiale sono state Elisa Di Francisca, Margherita Granbassi e Valentina Vezzali.

Errigo Arianna veste adidas

Il 28 luglio 2012 ha conquistato la medaglia d’argento nel torneo individuale di fioretto femminile alle Olimpiadi di Londra, battendo in semifinale la più volte campionessa olimpica Valentina Vezzali e mancando poi la finale per un solo punto. Ha vinto la medaglia d’oro nel torneo a squadre di fioretto, tirando in finale contro la Russia.

Ha inoltre recentemente vinto la gara individuale nella tappa di Torino di Coppa del Mondo di fioretto femminile, confermandosi la più giovane promessa italiana nella sua specialità.

Arianna Errigo vince la prova di Torino

Arianna indosserà le scarpe adistar fencing come già altre sue colleghe schermitrici di rilevanza internazionale ed entra a far parte della famiglia adidas insieme ad atleti del calibro di Daniele De Rossi, Flavia Pennetta, Valentina Vezzali, Martin Castrogiovanni e Danilo Gallinari.

Elisa Di Francisca è la nuova testimonial di PUMA

marzo 23, 2012 by  
Inserito in News Scherma

PUMA annuncia oggi la firma del contratto di sponsorizzazione con Elisa Di Francisca, schermitrice italiana di fioretto, vice-campionessa mondiale, campionessa europea in carica e detentrice della Coppa del Mondo.

La schermitrice Elisa Di Francisca firma con PUMA

Atleta di assoluto valore, donna poliedrica e dalla forte personalità, amante del divertimento sano e dalle svariate passioni tra cui il ballo, la musica, l’equitazione e la boxe, incarna perfettamente i valori del brand.

La Di Francisca con le scarpe PumaPUMA è quindi orgogliosa di avere Elisa nel proprio portfolio di top player e di accompagnarla, a partire da questo weekend che la vedrà impegnata nella gare di Coppa del Mondo a Budapest, all’appuntamento più importante della sua carriera: le Olimpiadi di Londra 2012.

Elisa Di Francisca indosserà calzature PUMA in pedana, in tutte le gare ufficiali, e le collezioni Lifestyle del brand nel tempo libero.

Il Club Scherma Cosenza fa i complimenti ad Elisa e ringrazia PUMA per l’attenzione rivolta al mondo della scherma. Gli atleti della nazionale italiana raccolgono tantissime medaglie in tutte le maggiori competizioni ed è importante vedere che un grande marchio decida di vestire uno di loro.

La scherma grande protagonista del video “Sono solo parole” di Noemi

marzo 15, 2012 by  
Inserito in News Scherma

Reduce dal successo di Sanremo, dove si è classificata al terzo posto, la cantante Noemi ha da poco pubblicato il video della canzone “Sono solo parole”.

Grande protagonista dell’intero filmato è la scherma, con l’assalto tra Eugenia Falqui e Cristina Pierobon.

Noemi con Cristina Pierobon ed Eugenia FalquiIl significato del video può essere spiegato dalle parole di Flavio Bonello, un fan della pagina Facebook di Noemi: “Sicuramente influenzato (e forse, avvantaggiato) dal fatto che ho praticato questa disciplina come la scherma, in una relazione sia con se stessi che con l’altro, esiste continuamente un confronto, a volte questo prevede un conflitto, ma comunque il punto non è vincitori o perdenti da questo incontro, ma che “il tempo che passiamo con l’altro, cambia sempre ogni parte di noi” e quando si smette di lottare, di crederci, il “duello/confronto” finisce, rimangono solo le parole…